Centro Psicologia In Equilibrio

via Baglivi 8, Roma (zona Policlinico) - Tel 320.0128303 - Si riceve su appuntamento

via Baglivi 8, Roma (zona Policlinico) - Tel 320.0128303 - Si riceve su appuntamento

Dipendenze e disturbi correlati

Dipendenza da gioco, da sesso: psicologi Roma

Per comprendere il concetto di dipendenza bisogna analizzare la relazione che si instaura tra l’individuo e l’oggetto in un determinato contesto. Ogni individuo è portatore di bisogni che richiedono di essere soddisfatti. Può accadere che la persona incontrando l’oggetto della dipendenza (una sostanza, un comportamento o una relazione), viva un’esperienza nuova e diversa, che giudichi più funzionale per sé e a cui attribuisca un significato positivo; si stabilisce così la convinzione che quello è l’unico modo possibile per soddisfare il proprio bisogno, spingendo la persona a ripetere l’esperienza.  La relazione tra la persona e l’oggetto della dipendenza diventa così unica ed esclusiva, in quanto, solo quella fonte di soddisfazione è in grado di rispondere ai propri bisogni.

Le nuove dipendenzePsicologia e dipendenze correlate

Tra le dipendenze, accanto a quelle più classiche e conosciute riguardanti le sostanze, se ne possono individuare altre relative a “non sostanze”, ossia ad oggetti e attività considerati legali. Il computer, internet e la televisione, il sesso, il gioco, gli acquisti, il lavoro, la sfera affettiva, sono elementi considerati legali dalla società ma che, in alcune circostanze, possono perdere la loro funzionalità per l’individuo e diventare oggetto di dipendenza, condizionandone il comportamento al punto da divenire il centro della sua vita privata. Tali condizionamenti possono quindi condurre a:

e sono definite come le “Nuove Dipendenze”.

Le dipendenze da internet (Internet Gaming Disorder)

Nella dipendenza da internet si verifica un uso eccessivo di internet che

comporta alterazioni dello stato di coscienza, depersonalizzazione, perdita del senso di identità. (CIT. “Dipendenza da Internet” Caviglia, Perrella)

Spesso inoltre si associa a disturbi fisici come stanchezza, disturbi nel sonno e nell’alimentazione. In questa forma di dipendenza la realtà virtuale acquista un ruolo centrale nella vita della persona, sostituendosi al mondo reale, a discapito di interessi e relazioni sociali. Questo può rappresentare ancor di più un pericolo per i più giovani.

Limitare l’uso di internet può causare nella persona con dipendenza irritabilità ed emozioni negative. Le tipologie più diffuse di dipendenza da internet sono: Cybersex Addiction o sesso virtuale che comprende le attività volte a ottenere eccitazione sessuale, Cyber Relational Addiction o dipendenza dalle relazioni virtuali (chat, newsgroup), Information Overload o sovraccarico cognitivo causato dal bisogno di ottenere una illimitata quantità di informazioni, Computer Addiction o dipendenza dai giochi virtuali interattivi. Effetti simili alla dipendenza da internet si riscontrano nella dipendenza da cellulare e nella teledipendenza.

Gli obiettivi della terapia saranno quelli di promuovere da un lato l’investimento sociale e dall’altro favorire un uso sano e corretto di internet o della tecnologia in generale.

Le dipendenze da sesso (Sex Addiction)

Nella dipendenza da sesso la persona instaura una relazione distorta con il sesso, che viene utilizzato per allontanare i sentimenti dolorosi, attenuare la percezione di stress, evitare le relazioni intime. Il senso di inadeguatezza percepito e l’incapacità a gestire una relazione intima, compromettono la possibilità di avere una vita relazionale sana. Il sesso, infatti, non viene vissuto in maniera naturale, all’interno di una relazione intima, quanto piuttosto in modo ossessivo, fuori controllo, distorto.

Questo determina un allontanamento dagli amici, dalla famiglia, dal lavoro, anche a causa di pensieri intrusivi e fantasie ricorrenti. Il dipendente da sesso nutre sentimenti di solitudine, vergogna e disprezzo per se stesso, accompagnati spesso dal timore di essere scoperti. La dipendenza da sesso riguarda in genere soprattutto gli uomini. La terapia sarà diretta al ritorno ad una sessualità sana, cercando di risalire alle motivazioni che hanno determinato la dipendenza.

Le dipendenze da gioco (Gambling Disorder)

Riguarda persone appassionate del gioco, per le quali la passione si trasforma in bisogno e non riescono ad esercitare un controllo sul proprio impulso. L’impulso genera una forte tensione e si accompagna spesso a razionalizzazioni e riflessioni che spingono la persona a continuare a giocare, sia se perde per poter recuperare il denaro perso, sia se vince per assecondare la fortuna di quel momento.

Dipendenza da gioco, da sesso: psicologi RomaDurante il gioco la persona prova piacere e rilassamento, mentre l’astensione da esso determina un profondo malessere. Di solito il dipendente da gioco sperimenta un senso di solitudine e una bassa autostima. Progressivamente la perdita di controllo nel gioco determina nella persona una compromissione della vita personale, affettiva e lavorativa. Spesso questa dipendenza si accompagna a ideazione suicidaria e tentativi di suicidio e può associarsi a disturbi dell’umore o ad altre dipendenze.

La terapia sarà direzionata alla consapevolezza dei meccanismi che la persona mette in atto, alla modificazione del comportamento e dei pensieri ad esso associati.

Lo shopping compulsivo (Shopping Addiction)

Riguarda il bisogno compulsivo di acquistare oggetti, anche non necessari o inutili, che spesso non rispecchiano i gusti della persona o non rientrano nelle sue possibilità economiche. L’obiettivo è “riempire”, attraverso l’acquisto, il senso di vuoto che la persona percepisce. Soddisfare il bisogno determina nell’immediato una sensazione di piacere e di rilassatezza, che è poi seguita da un senso di colpa per il proprio comportamento e per l’incapacità di controllarlo. Lo shopping compulsivo colpisce più frequentemente le donne che gli uomini e sovente determina serie difficoltà di tipo economico.

La terapia sarà volta ad agevolare il controllo della persona sui propri impulsi e a sostenere e rafforzare l’autostima.

Le dipendenze da lavoro (Work Addiction)

Benché nella società attuale il lavoro rappresenti uno strumento per integrarsi ed essere accettati dagli altri ed attraverso il quale poter raggiungere un’indipendenza economica ed un’autonomia personale, esso può trasformarsi in una dipendenza quando la persona avverte il bisogno di dedicargli tutta la vita ed il proprio tempo, escludendo la possibilità di dare spazio ad affetti, interessi, divertimenti. La persona dipendente da lavoro si concentra esclusivamente su di esso, trascorre tutto il suo tempo a cercare soluzioni ai problemi lavorativi, si sente avvilito ed irritato quando ne è lontano, perde il contatto emotivo con se stesso e con l’altro e riduce drasticamente o elimina del tutto la propria vita personale e familiare.

La compromissione dei legami affettivi e familiari è l’elemento che si verifica per primo a causa degli atteggiamenti aggressivi e autoritari e della assenza di comunicazione e di scambio. Il dipendente da lavoro è una persona poco controllata, tanto nella dedizione al lavoro, quanto nel consumo di caffè, alcol e sostanze in generale e di solito conduce uno stile di vita irregolare. Il trattamento terapeutico verterà sulla ristrutturazione cognitiva, sulla valorizzazione delle emozioni e delle comunicazioni di tipo emotivo, sul rafforzamento dell’autostima e delle capacità relazionali.

Le dipendenze affettive (Love Addiction)

La dipendenza affettiva riguarda in genere soprattutto le donne. È caratterizzata dalla continua ricerca di una relazione amorosa gratificante, dal bisogno ossessivo di attenzioni e di conferme, da aspettative poco realistiche. Di solito sono donne fragili, che temono la solitudine e la separazione, che si sentono insicure e inadeguate, che necessitano di continue conferme e gratificazioni, che cercano qualcuno in grado di renderle felici, che non riescono a godere degli aspetti positivi delle relazioni e possono essere capaci di accettare, in termini relazionali, situazioni per altri insostenibili. L’incapacità di essere autonomo e indipendente, il senso di disagio e il vuoto affettivo percepito, non consentono alla persona con dipendenza affettiva una evoluzione sana nella relazione sentimentale.

La terapia sarà indirizzata al rafforzamento dell’autostima, al raggiungimento dell’autonomia, e alla gestione delle paure e delle emozioni.

Centro di Psicologia 'In Equilibrio'
x
Menu